Vai ai contenuti
Logo della Biblioteca del Sentiero

Lez. 255 - Il processo della nascita - l'impulso cosmico

Lezione della Guida del Sentiero - Pathwork Guide Lecture
15 novembre 1978

Traduzione in italiano di Simona Fossa
Revisione non ancora effettuata
Edizione Maggio 2020

  1. Miei carissimi amici, amore e benedizioni vanno a tutti voi. La vostra lotta umana per trovare la via d'uscita dal labirinto, la vostra crescita ed espansione, è una luce dorata che illumina l'universo. È una forza potente, anche se in questo momento potreste non sentirla, perché la mancanza di contatto è ancora molto grande dentro di voi. Voi state gradualmente creando questo contatto, fino a quando tutto fluirà insieme e non ci sarà più perplessità, non ci sarà più paura, né dolore, ma solo pace e gioia. A livello profondo del vostro essere questo stato di beatitudine esiste già adesso, e in una parte nascosta in voi, questo lo sapete bene. Mettere a disposizione questa conoscenza è il grande compito che tutti voi avete intrapreso.

  2. In singoli momenti voi esperite la mano di Dio nella vostra vita, il respiro di Dio. Un evento di questo genere può verificarsi in qualsiasi momento, e può essere scatenato da particolari esperienze, sia dentro che fuori di voi. In tali momenti il dentro e il fuori si fondono e diventano una cosa sola. È allora che conoscete la realtà di Dio. Molto semplicemente non avete più alcun dubbio al riguardo. La pace e la gioia che provate in quegli attimi non si possono esprimere a parole. Sapete che tutte le singole cose per cui pregate convergono su un punto centrale, mentre sperimentate la realtà di Dio. Quando questo accade, siete già puri - almeno in quel frangente - perché la purezza del vostro spirito libero e ordinato viene liberata attraverso tutti i vari gusci e strati. Voi siete puri, e quindi non dovete pregare per la purificazione.

  3. In quell'istante, sapete tutto ciò che dovete sapere, quindi non dovete pregare per l'intuizione, l'illuminazione e la comprensione. Capite, sapete, siete illuminati. In quel momento l'amore scorre in ogni vena del vostro corpo e della vostra anima, così non dovete pregare per l'amore. In quel momento attivate il più grande potere di guarigione che ci sia, e non dovete pregare per la guarigione. In quel momento avete forza, immaginazione, intraprendenza e creatività, e non dovete pregare per il successo. In quel momento avete anche la misura, perciò sapete cosa è giusto e possibile per la vostra esistenza terrena durante questo momento particolare della vostra evoluzione.

  4. Durante questi rari momenti, siete immersi nella grazia di Dio. Tutte le vostre preghiere confluiscono in un unico punto centrale. Attraverso una tale esperienza, arrivate a capire che l’unica cosa per cui dovete veramente pregare è per sentire la presenza di Dio, la mano di Dio in tutta la vostra vita, il respiro di Dio nella vostra esistenza. Ma fino a quel momento, può essere spesso necessario ripartire le vostre preghiere per trovare una comprensione più profonda di ciò che è necessario in un determinato momento della vostra vita, quando la vostra anima deve venire impressa da alcuni aspetti che hanno bisogno di essere messi a fuoco. Ciò non significa che ora dovreste smettere di pregare per quegli obiettivi specifici di cui avete bisogno per completare il vostro quadro generale. Verrà il momento, tuttavia, in cui pregherete semplicemente di poter entrare in contatto con la potenza e la presenza di Dio, senza aspettare quelle situazioni eccezionali che, all'inizio, arrivano solo raramente e che sembrano dipendere da circostanze esterne a voi stessi. Alla fine sarete così ordinati, così liberi, che la luce potrà arrivare più spesso. All’inizio sarà come un evento che giunge indirettamente, in modo apparentemente involontario, e che sembra non avere alcuna relazione con voi. Eppure esso è il risultato diretto dei vostri sforzi, delle intenzioni positive e dell'impegno di seguire la volontà di Dio. Causa ed effetto, tuttavia, vengono separati l'uno dall'altro a livello apparente, a causa del tempo. Avete già sperimentato che, con la vostra crescita spirituale, causa ed effetto si avvicinano sempre di più, fino a quando non si riesce più a vedere nessun legame diretto. Quando questo avviene nell'esperienza del potere e della presenza del Creatore, avete raggiunto l'autorealizzazione. Avete purificato e unificato voi stessi. Allora potete essere una cosa sola con Esso, come voi desiderate. Questa è sì la volontà esterna, ma qui è totalmente compatibile con la volontà dell'Altissimo.

  5. Questo processo di crescita graduale dipende dalla volontà di aprire il vostro cuore. L'apertura del cuore sembra richiedere un particolare tipo di coraggio. Dovrete essere disposti a rischiare i pericoli immaginari di sentire veramente il vostro cuore, di sentire il vostro io, il vostro amore, la vostra vulnerabilità, la bellezza del Creato, la tenerezza degli altri che lottano nel tentativo di trovare la luce. Quando sarete pronti, veramente pronti, lo spirito di Cristo prenderà il sopravvento ed eseguirà l’“operazione" di rimuovere dal vostro cuore quella serratura che esiste da millenni. Più il vostro cuore è aperto, più Dio può entrarvi con la sua magnifica realtà. Allora sarete toccati sempre più frequentemente dal suo respiro, sentirete la sua mano in tutte le cose.

  6. In questa lezione vorrei discutere in particolare di una legge del tempo che si applica allo sviluppo di ogni entità. Sicuramente avrete intuito questa legge, e forse la conoscete anche solo vagamente. Ma è importante che la comprendiate fino in fondo. Secondo questa legge esiste una certa sequenza temporale necessaria sul percorso di ogni individuo. La sequenza temporale è completamente diversa per ogni entità. Ciò che una persona deve intraprendere all'inizio, perché rappresenta per lei una chiave fondamentale, senza la quale non potrà compiere nulla, può avvenire per qualcun altro molto più tardi. Voi sapete che si lavora su livelli e strati diversi. Conoscete il movimento a spirale che sembra ripetere sempre la stessa sequenza di eventi. Si arriva poi a un punto in cui una particolare spirale si è completamente risolta. Un aspetto completamente "nuovo" viene pian piano alla luce, un aspetto strano e sconosciuto che all'inizio può apparire in certo modo spaventoso. "Ma sono davvero io?", vi chiedete.

  7. Non si tratta semplicemente di andare ad un livello più profondo dello stesso problema. Il livello più profondo porta anche alla luce nuovo materiale che non avrebbe potuto essere gestito prima, e che può anche causare una sensazione di disperazione verso la propria autopurificazione. "Ma non finirà mai?”. Vi voglio ora mettere al corrente di questa sensazione e dirvi che è un segno positivo di un profondo progresso.

  8. Nella vita dell'essere umano medio, che è lontano dal perseguire qualsiasi percorso di ricerca di se stessi, e che ignora persino la possibilità di crescita e sviluppo interiore, questi aspetti, prima nascosti, vengono ora assunti come nuovi compiti in una nuova incarnazione. Circostanze e ambientazioni specifiche sono orientate a far emergere quegli aspetti che non potevano essere portati alla luce nelle precedenti incarnazioni, in cui le condizioni e l'ambiente circostante dovevano attivare altro materiale.

  9. Alle persone che seguono un percorso intensivo, come voi, potrebbe accadere che il materiale che, in circostanze "normali," avrebbe atteso una futura incarnazione, possa essere rilasciato già adesso. Il calendario interiore ha preparato l'anima per questo momento, poiché tutto il lavoro destinato a questa vita è stato completato prima che la vita fisica fosse terminata.

  10. Affrontare compiti aggiuntivi che non si era sicuri di poter gestire in questa incarnazione, può sembrare troppo. Preferireste lasciarli per un momento successivo, quando avrete raccolto nuove forze nella vostra casa spirituale. Spesso questo è vero e quindi non cercate nemmeno di intraprendere i nuovi compiti. Ma quando ci provate, il beneficio è immenso. Rappresenta un'incommensurabile quantità di "risparmio" per voi. Si risparmiano molte energie, risorse, tempo e creatività che altrimenti dovrebbero essere distribuite in nuove incarnazioni, destinate in particolare all'adempimento di questi compiti.

  11. Inoltre, non dimenticate che quando questo nuovo materiale aggiuntivo viene alla luce, non è mai senza il vostro pieno consenso. A volte desiderate intraprenderlo e i vostri consiglieri spirituali non sono d'accordo. Spesso vi confortano e vi mettono in guardia dalle difficoltà. Ma quando vi trovate in uno stato di maggiore consapevolezza e visione, capite anche voi che vale veramente la pena di intraprendere un compito extra nella stessa incarnazione.

  12. Molto tempo fa vi ho parlato di alcuni aspetti dei processi di reincarnazione. Forse vi ricorderete che allora dicevo che nella preparazione prima dell'incarnazione il piano di vita è esattamente tracciato e inciso nella sostanza dell'anima. Ora vi dico che la sostanza dell'anima contiene molto di più del solo piano di vita dell'attuale incarnazione. C'è un piano generale che mostra tutto ciò che è stato compiuto nel passato, e ci sono i compiti futuri da compiere, raggruppati a strati, per così dire. È difficile trasmettere questi fatti spirituali in termini umani. Possono sembrare troppo semplificati e quindi fuorvianti. Naturalmente nella nostra realtà non esistono cose come su o giù, sotto o sopra, o, per quel che conta, il tempo. Quindi non possiamo parlare di passato e futuro. Eppure vi è una sequenza, un ritmo che prende il suo corso naturale. Un passo deve logicamente seguire il precedente. Ogni passo, o fase, ha un significato, e non può essere intrapreso nel momento sbagliato della sequenza. Quindi solo in questo senso c'è passato o futuro, strati sopra e strati sotto.

  13. Ho spesso accennato al fatto che occasionalmente alcuni esseri umani sperimentano una rinascita all'interno dell'attuale incarnazione. Quando Gesù parlava della necessità di rinascere, non si riferiva solo alla realtà della reincarnazione. Voleva anche dire che per poter esperire la verità del Dio vivente dentro di sé, deve avvenire una rinascita. Ciò è reso possibile seguendo pienamente il piano di vita di questa incarnazione e liberando poi i piani che avrebbero potuto attendere una successiva incarnazione.

  14. Il processo di nascita non è mai, in nessun caso, un fenomeno isolato. È sempre graduale. Anche sul piano puramente fisico, un essere umano non nasce completo. Il bambino lascia il grembo materno e diventa prima di tutto un'entità fisicamente separata. Anche la separazione fisica non è completa da subito. Ci vuole un po' di tempo prima che madre e figlio siano veramente entità separate. E non intendo questo in termini di indipendenza e autosufficienza, perché ovviamente il bambino non è in grado di badare a se stesso per molto tempo.

  15. Se ci pensate bene, noterete che tutti gli anni dell'infanzia fanno parte del processo di nascita. La mente viene liberata gradualmente, e nasce nella realtà fisica. A poco a poco, e molto più tardi, può nascere la natura spirituale della persona e i suoi valori superiori. Tuttavia, essi spesso non riescono a nascere, perché sono in attesa di essere liberati in un'esistenza futura. I talenti richiedono spesso tempo per nascere, nella maggior parte dei casi un tempo considerevole. I progressi che l'anima ha acquisito nella vita precedente devono essere coltivati. Le competenze tecniche apprese in questo corpo devono essere assimilate in modo che la conoscenza interiore abbia uno strumento adeguato attraverso il quale esprimersi.

  16. È giunto il momento che voi, amici miei, di divenire più consapevoli di queste opportunità, dei processi di incarnazione che arrivano in superficie solo ora - o in un periodo successivo - quando il vostro attuale piano di vita è stato realizzato. Dovete ascoltare con sensibilità l'intero processo del vostro percorso e, occasionalmente, prendere una distanza sufficiente da voi stessi per avere una visione d'insieme. In questo modo si percepiscono gli inizi di un processo di rinascita. Alcuni potranno non averlo, perché non lavorano con la stessa dedizione alla loro purificazione come fanno altri, ma forse anche perché il compito attuale è così vasto e onnicomprensivo che è del tutto sufficiente per questa incarnazione. Quindi non aspettatevi che questo avvenga in tutti i casi.

  17. Inoltre, è necessario essere consapevoli di alcune idee troppo semplici e frettolose che si hanno a questo proposito. Spesso una nuova fase del vostro percorso mette in rilievo semplicemente un altro aspetto del piano di vita attuale e non un compito aggiuntivo che può essere intrapreso ora, o eventualmente lasciato per una successiva incarnazione. Non vorrei che questa comunità si precipitasse in massa in questa spiegazione ogni volta che si entra in un altro aspetto del proprio sviluppo interiore. Una sensibilità finemente sintonizzata vi porterà ad avere una comprensione più profonda di questi processi. Vi farà, inoltre, capire che la nascita divina non è mai un evento unico. È sempre un processo di parto prolungato.

  18. Voi partecipate intensamente al processo del parto grazie al lavoro che state facendo su questo percorso. Considerate l'intero lavoro di purificazione come il processo del parto. Voi, infatti, partorite veramente il vostro spirito libero nella sua piena gloria, sgombro e privo di ogni peso. Eliminate, passo dopo passo, gli strati che lo avvolgono. Quando il vostro spirito nasce, avviene sempre per gradi. Un aspetto è già nato quando siete entrati in questo piano. Più tardi, altre parti, una ad una, si liberano degli strati che lo ricoprono. E finalmente, ad un certo punto, il vostro spirito si libererà, senza pesi, senza coperture, senza ostacoli, senza più strati da rimuovere.

  19. Non posso sottolineare con sufficiente enfasi che non dovete prendere questa cosa alla leggera. Questo concetto non dovrebbe essere messo in dubbio. Non tutte le intuizioni che rivelano uno schema finora sconosciuto, non tutte le nuove fasi indicano che è in corso un processo di scoperta di quel materiale che, normalmente, avrebbe atteso una futura incarnazione.

  20. Le informazioni che vi do qui non devono essere confuse con la pratica di molti psichici, che dicono a una persona dove, quando e in quale forma ha vissuto in periodi storici precedenti. Tali informazioni sono di solito - con poche eccezioni - inutili, e servono solo al sensazionalismo. Queste hanno di certo un qualche valore solo se si prendono in considerazione alcune particolarità e atteggiamenti della persona in causa. E anche allora, in ogni caso, la comprensione dovrebbe venire quasi sempre da voi stessi, attraverso il vostro intuito. Allora l’intuizione servirà a completare un quadro che ha attinenza con la vostra attuale lotta, con il vostro compito momentaneo.

  21. Il processo di nascita è, come ho detto, sempre in corso. Forse vi aiuterà a capirlo se visualizzate l'universo come un'entità che respira. Ogni respiro è una pulsazione che si spinge in avanti, che penetra attraverso la massa precedentemente inerte, la massa del vuoto. Una volta che la pulsazione raggiunge questa massa con sufficiente intensità e frequenza, essa incomincia ad ammorbidirsi. Vi entra il respiro della vita e nasce la coscienza dove prima non c'era vita, non c'era coscienza, non c'era essere. Ogni respiro consiste nell'espansione, nella contrazione e nel momento statico intermedio. Ognuno di questi movimenti è progettato per espandere la vita, per diffonderla. In questo modo la pulsazione della vita si amplifica. Ad ogni pulsazione vi è un'altra spinta delle forze vitali, che penetrano la materia e gradualmente vi infondono vita.

  22. Ogni incarnazione sul piano terrestre rappresenta un battito, un’espirazione. Ogni volta che la vita sembra morire si verifica un’inspirazione. La forza del battito è determinata dalla volontà di vivere sulla terra in un corpo, dal grado di realizzazione del compito per cui l'entità vi è arrivata. Se questo compito viene rifiutato perché la vita interiore e la verità stessa vengono rifiutate, la volontà di vivere è di solito debole, anche se non è necessariamente vero il contrario. È anche possibile che la volontà di vivere sia forte, eppure che il percorso venga rifiutato. In questi casi, lo spirito ha una giustificata speranza che almeno una parte del compito possa ancora essere accettato, che gli possa essere permesso di raggiungere la coscienza superficiale.

  23. La vecchiaia è un lento ritiro di quella parte della personalità che vive per sempre. Quando voi umani parlate di morte, questo ci sembra assurdo dal nostro punto di vista. La morte non può esistere, ci può essere solo un ritiro della vita dai rivestimenti esterni, che vengono lasciati di nuovo inanimati. Quando l'entità costruisce un corpo, questo è costituito da materiale ancora privo di vita, ma che si vivifica una volta che, in questo punto dell'evoluzione, lo spirito, l'anima, e la persona con tutti i suoi tratti e tutte le combinazioni speciali di atteggiamenti che formano la sua personalità unica, si impossessa di questo guscio.

  24. Ogni nuova incarnazione rappresenta un'ulteriore spinta nell'inanimato. Molto gradualmente il battito della vita, in questo particolare aspetto, diventerà così forte che la materia smetterà di essere materia, e non diverrà più inanimata. Essa rimarrà per sempre impregnata di spirito. Si farà così raffinata, e la sua frequenza vibratoria così alta, che non potrà più decadere. Sarà interamente trasformata in spirito. Verrà assorbita dallo spirito, dalla vita, dalla coscienza, così che diviene spirito, vita, coscienza.

  25. Queste non sono oziose speculazioni. Sul vostro piano terrestre potete osservare questa verità per mezzo di un fatto molto semplice: il prolungamento della vita, dell'età media dell'essere umano. Non molto tempo fa, nella vostra storia, l'età media era di trent'anni. Ora sono settanta. In un futuro non troppo lontano, anche nei vostri termini di tempo, l'età media sarà di cento anni e oltre. Il significato profondo di questo fatto è che la materia è più fortemente impregnata di vita. La vita quindi riesce ad avere una maggiore resistenza. La spinta in avanti del battito vitale può penetrare più in profondità.

  26. Tutto nella Creazione esiste sia nel macrocosmo che nel microcosmo. Si ripete più e più volte in proporzioni diverse, in gradi diversi, in diverse modalità. Così il soffio della vita, i cicli della vita, i principi della vita esistono tutti in misure più piccole e più grandi, basate sulle stesse condizioni creative e sulle stesse leggi. Sarà utile per voi visualizzare la vita come un fenomeno respiratorio continuo, dove ogni incarnazione rappresenta un battito, ogni ritiro dalla materia non come un morire della vita, ma proprio come un ritiro dalla materia, un’inspirazione. In questa visione vi rafforzerete e aprirete nuove porte di comprensione.

  27. È della massima importanza che voi comprendiate appieno ciò che costituisce la forza del battito, il respiro della vita che è una vita umana. Che cosa determina il vigore del battito - quel singolo battito cosmico che è un'incarnazione umana?

  28. Prima di discutere di questo, vorrei ancora aggiungere che non è solo la vita umana a svolgere questa funzione. Il piano terrestre è stato progettato in particolare come un'arena per servire lo scopo di "respirare nell'inanimato" - o nel vuoto, se preferite. Ogni pianta, ogni animale, ogni forma di vita esistente su questo piano, respira nella materia e la anima. L'atto di animare è, all'inizio, solo temporaneo, perché dopo un po' di tempo la vita si ritira di nuovo, per poi riapparire ad intervalli. Ma verrà il momento in cui la vita non potrà più ritirarsi, anche dalla vita vegetale, minerale e animale. Le vibrazioni della materia saranno così raffinate che essa diverrà spirito. Allora il soffio della vita continuerà in maniera tale che essa non si potrà più ritirare. La spinta si sarà fatta così forte che tutto è vita, tutto è spirito.

  29. Il corso dello sviluppo umano è organizzato in modo diverso dalle altre forme di vita sulla terra. Per gli esseri umani è la coscienza a giocare un ruolo molto importante. Dopo un certo grado di evoluzione, la coscienza può determinare la forza, il vigore e la lunghezza dell'impulso-spinta. Questo avviene in diversi modi.

  30. Prima di tutto è necessaria la comprensione di questi processi cosmici. Per questo vi offro questa lezione. Pensate e visualizzate la vita in questi termini e percepirete la verità a livello interiore. Solo nel più raro dei casi tale visione si ottiene senza l'aiuto e la stimolazione esterna. L'umanità ha ormai raggiunto un punto del suo sviluppo complessivo in cui ha bisogno di tale aiuto per accelerare il processo.

  31. Quando si percepisce la vita e la morte come un respiro pulsante, quando si sperimenta lo spirito come la costante che spinge nella materia, l'intera immagine del mondo inizia a cambiare. Se permettete a questa nuova coscienza di crescere in voi, di prendere possesso del vostro essere, non potete che sperimentare la vita, la morte e tutti gli avvenimenti in un modo molto diverso. Questa nuova visione è liberatoria ed eliminerà la rabbia esistenziale, la collera e la paura verso la vita e la morte di cui abbiamo parlato in un'altra recente conferenza. Ma ascoltare tutto questo e archiviarlo come ulteriore "informazione spirituale" non è sufficiente. È necessario estendere la vostra immaginazione, i vostri sensi interiori, la vostra visione più profonda per fare, gradualmente, di questa conoscenza la vostra esperienza.

  32. Un altro fattore determinante è, naturalmente, il vostro atteggiamento. Quando arrivano le difficoltà, è umano scoraggiarsi. Quando si è perplessi o si soffre, quando si è delusi o insoddisfatti di qualcosa, è normale perdere il coraggio. Non si può farne a meno. Ma con questa coscienza interiore che cresce in voi, forse imparerete gradualmente che è essenziale mantenere intatto il vigore verso la vita, per non permettere che le esperienze negative indeboliscano il vostro impulso interiore. La vostra volontà interiore influenza direttamente il battito della vostra forza vitale. La vostra scelta di voler padroneggiare la situazione, di sfruttarla al meglio, di imparare da essa, di viverla al massimo, influisce direttamente sul vigore del battito cosmico che anima la vostra esistenza personale. Oltre alla comprensione dei processi cosmici, tutto ciò richiede buona volontà, coraggio e fede, che avrete nella misura in cui vorrete veramente compiere la vostra parte nella Creazione.

  33. Ogni essere creato, senza eccezioni, svolge un ruolo di questo tipo. Questo perché ogni essere è un'espressione diretta del Creatore. In ogni essere vive una parte del Creatore. L'intero Piano di Salvezza è uno sforzo congiunto per penetrare tutto con la vita, con la coscienza, con la gioia divina che è così squisita da non poter essere espressa a parole.

  34. Ho detto prima che tutto esiste sia nel microcosmo che nel macrocosmo in variazioni diverse, perché i principi della Creazione sono perfetti e si possono adattare a molte situazioni e condizioni diverse. Pensiamo ora al fenomeno del battito cardiaco. Nel corpo umano il battito del polso indica i segni vitali, il funzionamento del cuore, il flusso di sangue nelle arterie. Su scala più ampia, ogni manifestazione della vita umana è un battito cosmico. La pulsazione che costituisce un'intera incarnazione, è costituita da molte pulsazioni minori. Nel corso della vita, il battito cosmico pompa ripetutamente il sangue spirituale nella materia indurita e inanimata. Questi battiti variano in intensità, a volte sono vigorosi, a volte si indeboliscono.

  35. Si può notare come lo stesso principio creativo si ripeta e si manifesti in forme diverse. Ho detto prima che in occasioni isolate una persona può vivere la sua prossima incarnazione, o almeno una parte di essa, nella stessa vita, se il compito della vita attuale è già stato totalmente realizzato. Invece di ritirarsi dalla vita, si genera un nuovo battito che annuncia un altro insieme di condizioni, un altro compito - spesso nell'ambito dello stesso compito generale, in modo che le circostanze esterne della vita non debbano necessariamente cambiare. A volte, invece, potrebbero anche cambiare in modo drastico.

  36. Il nuovo battito è spesso debole all'inizio, perché si è verificata una rottura, anche se non così grossolana come il corpo che muore e poi rinasce in condizioni completamente nuove. Ma, in ogni caso, vi è una rottura. Questa viene spesso vissuta come una crisi intensa, a volte prolungata. Poiché la crisi è dolorosa, indebolisce il battito. Solo quando la nuova vita è pienamente compresa e abbracciata, può iniziare ad affermarsi una nuova continuità, e il nuovo battito cosmico dell'entità può riprendere con rinnovato vigore.

  37. Sentendomi dire queste parole, potreste temere un tale evento. Potreste pensare che sia preferibile progredire a tappe più lente. Vi dico che, a parte l'enorme valore per la vostra evoluzione personale e per il vostro compito generale nel grande piano, è sbagliato pensare che la transizione verso una nuova incarnazione all'interno dello stesso corpo sia più traumatica della ben più grande interruzione dovuta alla morte e alla rinascita. Per molti esseri umani è la paura della morte a rendere la morte stessa un processo traumatico. La minaccia di estinzione impedisce all'entità di sperimentare la dolcezza della transizione. In molti casi, questo può essere sperimentato solo molto più tardi, dopo che il vostro aspetto reale si è separato da quello temporaneo.

  38. La nascita è sempre traumatica e dolorosa, ne ho già parlato prima in un altro contesto. La personalità ha bisogno di restringersi in una struttura angusta, e questo viene vissuto come qualcosa di doloroso. Quando si osserva la lotta e la resistenza del bambino, non è difficile percepirlo. È anche traumatico per l'entità, prima che inizi il processo di nascita nella materia, rinunciare temporaneamente alla piena coscienza e attendere che si risvegli lentamente per gradi. Questo appare molto rischioso. Tutto ciò che conoscete come spirito libero raggiungerà il cervello attraverso la materia e le esperienze oscure della vita terrena. Non è molto meglio rimanere nella continuità che avete acquisito attraverso la vostra crescita e il vostro sviluppo? La rottura della coscienza può essere evitata in questo modo.

  39. Questo non è sempre possibile, ma a volte, quando si presenta questa opportunità lo sviluppo procede molto velocemente e bene. Tuttavia, come ho detto prima, non date per scontato nulla troppo in fretta e con troppa leggerezza. Lasciate che sia piuttosto una domanda dentro di voi che può trovare o meno una risposta. Se è necessario e importante per voi sapere, se siete aperti senza preconcetti in un modo o nell'altro, lo saprete. Sicuramente non dovreste chiedermi se è così, o no.

  40. Vi è una generale accelerazione nel processo evolutivo, che si sta manifestando in vari modi. Una delle manifestazioni è che la conoscenza delle realtà interiori è diventata accessibile al grande pubblico. Questo non ha precedenti nella vostra storia. Non era mai successo prima. In passato, vi erano solo pochi eletti che potevano entrare in una società esoterica segreta, o quella che si potrebbe definire una scuola dei misteri, in cui si diffondeva la conoscenza delle verità interiori, dei valori reali e dei processi di purificazione. Oggi tutto questo è aperto e alla portata di tutti, anche se molte anime che raggiungono il piano terreno non si avvalgono di questa possibilità. Ad alcune manca lo sviluppo, e quindi la comprensione. Altre avrebbero il potenziale di comprendere, ma non abbandonano la resistenza e l’apatia per farlo. Quindi non sfruttano il loro potenziale.

  41. Un'altra manifestazione dell'accelerazione dello sviluppo è esattamente ciò che ho appena spiegato in questa lezione: la possibilità di scoprire strati dell'anima che normalmente attendono una futura incarnazione.

  42. Durante questa crescente accelerazione del movimento della vita divina, la sua penetrazione nel vuoto diventa sempre più profonda e più forte ad ogni incarnazione. Questo movimento arriva persino a coloro che non hanno ancora realizzato tutte le loro potenzialità, o che si trovano ancora su una scala di coscienza molto più bassa. Anche gli alberi, le piante e gli uccelli vi partecipano. La loro vita non è più lunga nei vostri termini, ma il movimento generale fa sì che il loro vero sé reale ed eterno penetri più in profondità nella materia, in modo che questa si trasformi dopo che la loro vita si è ritirata. L'intero processo si intensifica e si accelera.

  43. Ciò che ne deriva è un fenomeno particolare che, visto dall'esterno, e fuori contesto, può sembrare in contraddizione con quanto dico. Nella vostra epoca, vi è un nuovo equilibrio tra le anime sviluppate e quelle non sviluppate. Così come ci sono spiriti altamente sviluppati che entrano in questo piano in numero sempre maggiore, ugualmente vi è un numero crescente di anime non sviluppate che sono in arrivo su questo piano. In passato queste differenze erano molto meno accentuate. Vi era un maggiore livellamento. Le anime meno sviluppate rendevano meno evidenti le incarnazioni più rudimentali. Ora le differenze sono notevoli.

  44. Per voi, che lavorate su questo sentiero, è importante essere consapevoli di questi processi cosmici e di incorporarli nella vostra comprensione del mondo e di voi stessi. In alcune fasi, questa conoscenza non sarebbe di nessun aiuto, né sarebbe rilevante per ciò che vi accingete ad affrontare. Ma arriva il momento in cui questa diviene importante, non solo per voi individualmente, ma per l'entità del Sentiero nel suo insieme. Questo perché ciò che accade in voi individualmente si ripete sempre su scala più ampia. Quindi la vostra individualità è una cellula dell'entità Sentiero. L'entità Sentiero è una cellula dell'entità Terra. Più sana diviene ogni cellula, migliore è il funzionamento dell'intero organismo. E la salute include la conoscenza e la comprensione.

  45. La vostra entità Sentiero è già rinata più volte. E continuerà a farlo, se darete il meglio di voi stessi alla vostra verità e al vostro sviluppo, e al compito di cui siete una parte benedetta. Ve lo dico ora, perché proprio in questo periodo voi, come comunità, state attraversando un processo di questo tipo. Comprendendo questo fatto, vi sarà molto più facile ricercare, lottare e sforzarvi di trovare nuovi modi di essere, di fare cambiamenti che, alla fine, se permettete all'ispirazione divina di raggiungervi, non possono che divenire una benedizione per ogni individuo che si unisce a questa impresa, a tutti i livelli. Siate solidi nella vostra fiducia e nella fede di essere coinvolti in qualcosa di infinitamente più grande delle vostre piccole preoccupazioni personali alle quali a volte attribuite un'importanza sproporzionata.

  46. Lo spirito di Cristo è con voi, in ogni momento, in ogni cosa. Le benedizioni di Dio rendono possibili i vostri impegni più comuni, perché sono messi al servizio della causa divina. Lasciate che la vostra gioia interiore raggiunga la vostra coscienza, perché vi è solo motivo di gioire!

Testo originale: Pathwork Guide Lecture No. 255 - The Birthing Process - Cosmic Pulse
Il copyright del materiale della Guida del Pathwork® è di esclusiva proprietà della Fondazione Pathwork®
Torna ai contenuti