Vai ai contenuti
Logo della Biblioteca del Sentiero
Lezioni da 121 a 150

Lez. 121 - Spostamento, sostituzione e sovrapposizione

-
Non ancora tradotta

Lez. 122 - Vivere una vita piena realizzandosi come uomo o donna

Traduzione in italiano di Daniele Buratti
Revisione non ancora effettuata
Edizione Gennaio 2019

Lez. 123 - Liberazione e pace superando la paura dell’ignoto

-
Non ancora tradotta

Lez. 124 - Il linguaggio dell’inconscio

-
Non ancora tradotta

Lez. 125 - Transizione dalla corrente-no alla corrente-sì

-
Non ancora tradotta

Lez. 126 - Contatto con la forza vitale

l'intelligenza della forza vitale - assenza di conflitto come indicatore della verità - entrare in contatto con la vasta intelligenza attraverso la formulazione di chiari obiettivi - vivere nel momento presente e sintonizzarsi con la forza vitale - la vibrante sensazione di essere vivi - non bisogna essere perfetti o evoluti per sintonizzarsi con la forza vitale - la tragedia umana: lottare strenuamente contro la felicità - vivere nel qui ed ora significa anche individuare con precisione equivoci e difetti - l'illusione di dover rinunciare ad un aspetto della vita per ottenere il suo opposto - le contraddizioni che impediscono il contatto con la forza vitale - autoresponsabilità e autonomia - Pace e vitalità, stimolazione e serenità coesistono, non sono concetti separati - la piccola mente e la sua volontà esteriore immediata compiono il primo passo per contattare la mente più grande - Il desiderio infantile di magia e desiderio di evitare le conseguenze delle proprie azioni - l’infelicità non è mai prodotta da un evento esterno bensì dal proprio atteggiamento - avvicinarci alle nostre imperfezioni per come sono al momento, non combatterle, ci aiuta a superarle - meditazione sulla felicità - i movimenti dell'anima - come pensare a Dio e come non pensare a Dio

Lez. 127 - I quattro stadi dell'evoluzione: riflessi automatici, consapevolezza, comprensione e conoscenza

-
Non ancora tradotta

Lez. 128 - Limitazioni create attraverso alternative illusorie

-
Non ancora tradotta

Lez. 129 - Vincitori e perdenti: l'interazione tra il sé e le forze creative

-
Non ancora tradotta

Lez. 130 - Trovare la vera abbondanza attraversando la paura

-
Non ancora tradotta

Lez. 131 - Interazione tra espressione e impressione

-
Non ancora tradotta

Lez. 132 - La funzione dell'io in rapporto al vero sé

Traduzione in italiano di Simona Fossa
Revisione non ancora effettuata
Edizione Gennaio 2020

Lez. 133 - L’amore: non un comandamento, ma un movimento spontaneo dell’anima del vero sé

-
Non ancora tradotta

Lez. 134 - Il concetto di male

il male deriva dall’insensibilità e dalla mancanza di controllo (impotenza) - l’insensibilità è un meccanismo di protezione contro la sofferenza messo in atto dal bambino: quando si protrae oltre la necessità dà origine al male - l’insensibilità verso se stessi comporta la medesima indifferenza verso gli altri; altrimenti l’empatia sarebbe la prima reazione spontanea verso gli altri tre stadi dell’insensibilità: indifferenza verso se stessi, verso gli altri, crudeltà agita - il confine tra insensibilità passiva e crudeltà è molto labile - la mancanza di controllo è un altro aspetto del male perché ogni sofferenza è dovuta all’impotenza, la sofferenza causa insensibilità e l’insensibilità conduce al male - nelle aree (avvenimenti esterni, parti del corpo, facoltà della mente, sentimenti) su cui non si ha alcun controllo diretto agisce una sorta di controllo a distanza che opera attraverso le facoltà del sé interiore - la barriera tra l’io esteriore e il sé interiore è dovuta alle distorsioni della mente e alle emozioni distruttive - via via che le distorsioni svaniscono il controllo sulla vita diventa più diretto - è solo la mancanza di conoscenza del sé interiore che rende l’essere umano una vittima inerme - meditazione per prendere contatto con il sé interiore

Lez. 135 - Mobilità nel Rilassamento - La sofferenza causata dall'attaccamento dell’energia vitale alle situazioni negative

la sostanza vitale che permea l’universo può essere modellata dalla coscienza - il movimento cosmico che caratterizza la sostanza vitale è un misto armonico tra mobilità e rilassamento - la distorsione del principio unitivo di mobilità e rilassamento è la dualità primaria che sta alla base di ogni conflitto: la dinamicità diviene tensione e sforzo, il rilassamento diventa stagnazione - tensione e stagnazione derivano dal connubio tra forze positive e forze negative - ogni condizione negativa è frutto dell’unione tra principio vitale positivo (o principio erotico) e negatività - il bambino usa in maniera inconscia il principio del piacere per rendere più sopportabile l’evento negativo - combinazione attiva e passiva tra principio del piacere e distruttività (infliggere o sopportare negatività, o entrambe) - importanza della scoperta del connubio tra principio del piacere e negatività attraverso l’osservazione e la comprensione profonda - la negazione di questo connubio, dovuta a vergogna e senso di colpa, provoca repressione e allontanamento dal proprio sé - la compiacenza nei confronti del piacere distorto è dovuta alla paura di dover rinunciare a ogni piacere - rvoluzione come graduale riorientamento del principio positivo del piacere verso situazioni positive - la rimozione della negatività dal principio del piacere porta armonia tra dinamicità e rilassamento, mettendo fine a tensione e stagnazione

Lez. 136 - La paura illusoria del sé

-
Non ancora tradotta

Lez. 137 - Equilibrio nel controllo interno ed esterno

-
Non ancora tradotta

Lez. 138 - Desiderio e paura del contatto

-
Non ancora tradotta

Lez. 139 - Anestesia dei centri vitali attraverso l’incomprensione della realtà

-
Non ancora tradotta

Lez. 140 - Conflitto tra piacere orientato positivamente e piacere orientato negativamente come origine del dolore

Traduzione in italiano di Simona Fossa
Revisione non ancora effettuata
Edizione Maggio 2020

Lez. 141 - Ritorno al livello originario di perfezione

il vero significato di questo percorso spirituale - la malattia dal punto di vista spirituale - il potenziale sul piano fisico, mentale, emotivo e spirituale - natura autoperpetuante delle reazioni a catena positive e negative - come ritornare al potenziale sempre presente – guarigione - tutto quello che vi serve per risolvere qualsiasi problema è dentro di voi - utilizzare il potere interiore per interrompere le reazioni a catena - il livello originario di perfezione deve essere riattivato attraverso la coscienza - il ruolo dell'io nella trasformazione - la paura del bene - la distruttività intenzionale - la paura di dissolversi e perdere la propria individualità - combattere versus vero sviluppo - ipo ed iperemotività versus capacità di provare sentimenti naturali e spontanei - l’importanza della fiducia nel flusso vitale universale

Lez. 142 - Il desiderio e la paura della felicità - la paura di lasciar andare l'IO

Traduzione in italiano di Daniele Buratti
Revisione non ancora effettuata
Edizione Febbraio 2020

Lez. 143 - Unità e dualismo

Traduzione in italiano di Daniele Buratti
Revisione non ancora effettuata
Edizione Gennaio 2019

Lez. 144 -  II processo e il significato della crescita

-
Non ancora tradotta

Lez. 145 - Rispondere alla chiamata della vita

-
Non ancora tradotta

Lez. 146 - Il concetto positivo di vita - amare senza paura - l'equilibrio tra attività e passività

-
Non ancora tradotta

Lez. 147 - La natura della vita e la natura dell’uomo

-
Non ancora tradotta

Lez. 148 - Positività e negatività: un’unica corrente energetica

Traduzione in italiano di Daniele Buratti
Revisione non ancora effettuata
Edizione Settembre 2019

Lez. 149 - La spinta cosmica verso l’unione - frustrazione

-
Non ancora tradotta

Lez. 150 - Sapersi amare: la condizione dello stato universale di beatitudine

-
Non ancora tradotta
Torna ai contenuti